Quattro Principi, Quattro Direzioni

Oggi più che mai abbiamo bisogno di principi reali per dirigere le nostre vite e di conseguenza le nostre attività.
Negli ultimi cento anni siamo stati tempestati di metodi confezionati, per il raggiungimento immediato dei risultati. La letteratura del fine novecento è piena di manuali scopiazzati che rivelano tutti la magia di metodi per raggiungere i risultati, come la buona forma fisica, mentale e soprattutto per la riuscita finanziaria. Di certo molte di queste tecniche sono valide e possono servire, ma non vanno confuse come se fossero il vangelo.
Infatti c’è da dire che questi manuali per la realizzazione professionale e personale sono stati scritti dai vincitori, cioè da coloro che hanno applicato questi metodi in certe condizioni di luogo e di tempo e ce l’hanno fatto. Di certo da mille altre parti del mondo questi stessi metodi sono stati applicati da altra gente che invece non ce l’ha fatta e di certo queste persone non si mettono a scrivere libri su come non ce l’hanno fatta.
Il vero sforzo che deve essere fatto è su se stessi, sulla soddisfazione personale a prescindere da quello che si ha e quello che si fa.
Al contrario dei metodi i principi non slegati dal luogo e dal tempo e non sono legati alle capacità di ognuno. Sono sempre validi in tutte le circostanze. Questo è il motivo per il quale è necessario fondare la propria vita e la vita dell’azienda sui principi e non su semplici metodi.

Riteniamo quindi che ogni persona, ogni imprenditore debba fondare la sua vita e la sua professione su principi validi e stabili.
Ci sono tanti principi ai quali affidarsi, la lealtà, l’onestà, l’altruismo. Noi abbiamo preso in esami molti di questi e abbiamo considerato quelli che possono dare all’azienda il massimo del valore in termini personali, aziendali e finanziari.

Le Quattro E

Nord

Economia

La parte fondamentale dell’azienda è legata alla parte finanziaria ed economica. Se la mattina vi alzate di buon ora per andare al lavoro ed il risultato è quello di avere debiti con i fornitori, con le banche o con lo stato vuol dire che c’è qualcosa che non va.
Il controllo economico dell’azienda non è cosa facile, soprattutto per le piccole aziende che non hanno gli strumenti idonei per fare valutazioni necessaria per capire qual è il vero andamento dell’azienda e quali correttivi applicare.

Il principio di Economia regola l’imprenditore e tutto lo staff aziendale nella valutazione delle spese, si basa su valutazioni oggettive e non emotive di spesa, valuta il vero costo/beneficio, tiene in considerazione della giusta allocazione delle risorse.
Allo stesso tempo il principio di Economia tiene conto delle entrate, della loro natura e della loro marginalità.

Anche quando si parla di tempo viene messo in gioco il concetto di Economia. State usando nel modo giusto la risorsa tempo vostra e dei vostri collaboratori?
Ogni azione fatta in azienda deve essere valutata sotto il principio dell’economia. Le telefonate, le visite ai clienti, la produzione, le pause ed altro ancora.

In più il principio dell’economia tiene conto della realtà dei fatti e non delle promesse illusorie di millantatori. Non esistono risultati stabili a breve tempo. I principi sono colonne solide e durature e vanno costruite con i giusti tempi.

Ecologia

Non esiste un vero successo senza l’attenzione al mondo in cui viviamo. Se la vostra attività non migliora la vita degli altri o l’ambiente nel quale loro vivono non avrete lunga durata.
Il concetto di ecologia per noi è un concetto allargato che tiene conto di varie sfaccettature. L’inquinamento ambientale è solo un piccolo aspetto dell’ecologia.
Pubblicità massicce e subliminali con messaggi che contengono false verità non tengono conto dell’ecologia della comunicazione.
L’uso eccessivo di  packaging inutile è segno di poca attenzione nei confronti dell’ambiente per giunta molte volte è uno spreco di risorse e di denaro.

Ma questo non vale solo per i clienti. Tutto questo è da prendere in considerazione anche all’interno dell’azienda.
Una comunicazione sbagliata con i dipendenti è una forma di inquinamento perché rovina l’ambiente di lavoro.

Il principio base è migliorare continuamente il mondo in cui viviamo e questo può essere cercare di buttare una bottiglia di plastica in meno, come fare un complimento ad un vostro fornitore per la qualità del materiale che vi ha consegnato o ringraziare il vostro dipendente per l’ottimo lavoro svolto.

Est
Sud

Etica

Contrariamente da quello che si possa pensare le azioni etiche portano a risultati duraturi. Vi faccio un piccolo esempio.
Conoscete Rockefeller ed Andrew Carnegie?
Sono gli uomini più ricchi di tutti i tempi ed entrambi sono stati grandi filantropi, hanno donato milioni e milioni di dollari per la costruzione di ospedali e università.
Rockefeller gravemente malato fu consigliato dai medici di iniziare un percorso di vita etico nei confronti degli altri e questo gli permise di aumentare la sua ricchezza e di migliorare la sua salute. Da quel momento in poi Rockefeller fece una vita prospera ed in piena salute fino alla sua dipartita a 98 anni.
Andrew Carnegie, l’uomo dell’acciaio, cercò di vivere nel massimo dell’etica nonostante il settore ricco di imbrogli ed interessi e scrisse anche un bellissimo libro intitolato “Il vangelo della ricchezza” nel quale viene elogiato il principio della filantropia e l’attenzione nei confronti degli altri per avere anche risultati di carattere personale e professionale.

In campo aziendale le persone sono la vostra massima risorsa, siano essi clienti, fornitori, dipendenti, operai, collaboratori o altro. E’ per questo che vanno trattati eticamente.
Se siete corretti riceverete correttezza dal maggior numero di persone, se siete veri e limpidi verrete trattati con rispetto, se date fiducia e mantene le parola avrete clienti fedeli.

Nonostante la sua banalità la frase “raccogliete ciò che seminate” contiene una verità indiscutibile.

Eccellenza

Un’azione che non è ben fatta è un’azione che non è stata fatta.
Ogni attività interna o esterna all’azienda deve essere svolta con un pensiero di eccellenza. La somma di azioni ben fatte e fatte da tutti danno il vero risultato in un’azienda.
A volte basta solo un’attività svolta male all’interno di un processo produttivo che l’obiettivo può essere fortemente compromesso.
Vi faccio un esempio, ricevete una commessa dal vostro migliore cliente, questa viene processata nel modo migliore dall’ufficio tecnico e prodotta con grande zelo dagli operai, anche la logistica interna è ben organizzata e impacchetta il materiale nel migliore dei modi e nei tempi richiesti. E’ tutto pronto per la partenza e manca l’ultimo tassello, il trasporto con mezzo proprio, ma il trasportatore poco responsabile e come si suol dire “lontano dagli occhi del padrone” sposta malamente il materiale consegnandolo così ammaccato. Sapete tutti che la contestazione è dietro l’angolo.

L’eccellenza in ogni fase dell’azienda e soprattutto eseguita da chiunque è di vitale importanza. La mancanza di eccellenza diminuisce la credibilità dell’azienda, aumenta i costi e frena il passaparola, linfa vitale della funziona commerciale.

Ovest